Translate


Domenica 20 Febbraio 2011




Visto le foto?
Sono le cinciarelle che da 2 inverni vengono a colazione da noi. Il cibo preferito è il burro.
Lo scorso anno lo consumavano sul davanzale, quest'anno ne beccano un pò e poi ne prendono un grosso pezzo e lo portano via....
Ci sarà qualcuno che aspetta "la colazione nel nido" ? Chissà.
Comunque è domenica.
Era partita uggiosa, nebbiosa, umida e poi è diventata piovosa e stop.
Pare di essere tornati indietro a novembre. E dire che ci eravamo già abituati a un certo tiepidino... Si riusciva a tirare un pò fuori il collo dagli sciarponi, come tartarughe un pò guardinghe..
Sarebbe una domenica di quasi fine inverno, di una passeggiata in campagna, ma oggi proprio non invita ad uscire. Verranno il sole e il caldino, e liberati da pesanti pastrani, con una nuova pelle ci godremo il tepore e strizzeremo gli occhi a tanta luminosità.

Ho fatto 2 giorni di ferie, che uniti al fine settimana hanno significato 4 giorni 4 di non ufficio.
Ho proprio avuto un senso di staccare la spina.
Che poi giovedì ho fatto lavori di casa.
Venerdì invece sono andata in città per un giro simil-ludico.
Io, a parte le librerie e le cartolerie, adoro i fai da te e le mercerie.
E così venerdì mattina sono andata in una merceria enorme, praticamente un magazzino. Una vera gioia per gli occhi! Cosa ho comprato? NULLA. Ma ho visto tante cose bellissime e quando ne avrò bisogno saprò dove trovarle.
Al pomeriggio giretto in centro, tra belle piazze e angoli barocchi e poi...vuoi non fare una MERENDA GODURIOSA? Alla faccia della dieta ho mangiato un cannolo siciliano che era una favola. Il ripieno era freschissimo e preparato al momento. Mmmmmmmm !!!!
Ora dovrò stare a digiuno per un pò, ma non troppo perchè venerdì si è camminato parecchio, praticamente 5 ore e non sono poche...
Ieri mattina mercato per verdura e frutta, e poi macellaio e poi panetteria: scorta di viveri per settimana stipata tra congelatore e frigo (arancione, mon amour!!).

Ed ora sono qui a girare tra blog, a sferruzzare un lavoro a maglia che sta diventando eterno, causa lana troppo fine e causa sospensione - berretto richiestomi da amico con cervello infreddolito!
Un pò più tardi un caffè e un libro da leggere che mi aspetta sul divano.....
E arriverà il crepuscolo, quell'ora tanto dolce che mi immalinconisce non poco... una sorta di sottile spleen che prende il cuore e lo strizza un pochino...
In fondo per stare bene non mi occorre poi molto...

13 commenti:

  1. Anche qui da me il tempo non invita ad uscire, mettici anche un pò di pigrizia...A volte comunque piace anche a me trascorrerle così le domeniche, visto che durante la settimana gli impegni si susseguono. Mi ha subito incuriosita la tua foto e sono venuta a vedere meglio...Sono bellissime quelle cinciarelle! Io purtroppo non sono mai riuscita a vederle. Che colori splendidi, una gioia per gli occhi. Ciao, Viola, buona lettura!

    RispondiElimina
  2. Ciao Ninfa, grazie della visita. Sì, a volte si sta bene anche in casa...Purtroppo domani ricomincia il tran tran

    RispondiElimina
  3. Staccare la spina è una gran cosa...vorrei fare come una vecchia pubblicità che inseriva la spina in ogni dove, succhiando energia....vorrei far anch'io così e vivere errando prendendo energia da ciò che ci circonda.
    Saluti

    RispondiElimina
  4. Ciao Viola:-))

    Si può star bene sempre con poco!
    Come stanno bene con poco le cinciarelle, infatti hai aggiunto solo un po di posti a tavola!
    Buona lettura!

    RispondiElimina
  5. Io prendo energia dalle cose che amo fare, vedere...Da ciò che mi dà gioia...peccato però che a volte dopo 5 minuti di lavoro...io mi senta già in riserva!!! Buona settimana Mark

    RispondiElimina
  6. Ciao Cosimo. E' Proprio vero, basta poco per poter star bene, ma a volte ce ne dimentichiamo. Buon lavoro per domani

    RispondiElimina
  7. Pagherei quelle splendide cinciarelle per farsi ammirare un pò sul davanzale di casa mia.
    Stile Berlusconi, insomma.
    A volte lasciamo cadere qualche briciola sul balcone per attirare qualche uccellino.
    E loro ogni tanto si fermano. Ma a me raramente è successo di vederli. Arrivano sempre in orari lavorativi! Il lavoro, quello che "nobilita" l'uomo è proprio una disgrazia. Come contrasta la libertà di quelle cinciarelle con l'ansia del lunedì che preme alla porta.
    Ho voglia anch'io di qualche giorno di ferie.
    A suonare il piano, ascoltare musica e, possibilmente, andare a vedere il mare.
    Brutto ed inquinato ma così grande da farmi comunque sognare.
    Ciao. Ti auguro un magnifico relax.

    RispondiElimina
  8. Ciao Viola!
    Ho letto con piacere alcuni dei tuoi post, hai un blog molto interessante per cui mi sono iscritto tra i tuoi lettori.
    W le cinciallegre e tutto ciò che è natura e vita!
    Ritornerò a trovarti, grazie per la visita da me.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  9. Ciao Gianni. Per fotografare le cince ho dovuto aspettare un pò di tempo immobile dietro al vetro della finestra: se vedono il minimo movimento volano via! Anch'io avrei voglia di vedere il mare... il sole splendente..e invece pioggia! E domani ufficio! Sigh

    Ciao Sirio, benvenuto!Sì, evviva la natura, in ogni sua forma. E' il futuro, dà speranza. E' bellissimo vedere per esempio una piantina che cresce. Buona settimana

    RispondiElimina
  10. Bellissima l'idea di dare qualcosa agli uccellini. Lo facevo anch'io quando vivevo con i miei!

    Un abbraccio cara e buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
  11. Però non è da tutti l'amicizia con le cinciallegre!! servono affetto, costanza e attenzione (credo)e a te non mancano. Complimenti!!
    Chiara (di Manualmente)

    RispondiElimina
  12. Ciao Kylie. Dare cibo agli uccellini è un pò infantile ma...mi piace.

    Ciao Chiara!! Oggi volevo rifotografarle ma non c'è stato verso. Scappavano subito! Grazie della visita

    RispondiElimina
  13. eToro is the #1 forex trading platform for beginner and pro traders.

    RispondiElimina