Translate





Mercoledì 16 Maggio 2012




Ciao, sono in ferie.
Una settimana, e con i sabati e domeniche sono 9 giorni.
Non sono andata via, pulizie di primavera e puntatine in piccoli mercati, ma tutto con calma.
Stamattina sono andata al mercato a Santo Stefano Belbo.
Vi ricorda qualcuno? Cesare Pavese.
Paese tra il Monferrato e l'inizio Langa, colline con vigneti e poi iniziano i boschi di castagni.
E' un mercato di campagna.
Ci sono i venditori di sementi e piantine da travaso.
Siamo in piena stagione e c'è un gran fermento.
Anch'io ho fatto acquisti: una bustina di semi di "Portulaca grandiflora" ed 8 piantine di pomodori ciliegina.
Poi c'erano vari banchetti di frutta e verdura. Anche lì ho fatto acquisti: mangiare è basilare.
Per non farmi mancare nulla ho preso anche della focaccia salata in una panetteria piccola ma favolosa.
Poi una puntatina in merceria ed ho trovato 2 manici in bambù per una eventuale borsa in tessuto.
Ed infine, per rifarmi gli occhi, ho fatto un giro minuzioso in un negozio "Angelica home country", specializzato in mobili, oggettistica, ma anche abiti e borse in stile shabby.
Quando sono lì, se dessi ascolto al primo impulso, farei uno shopping forsennato.
Ho cercato di trattenermi ed ho preso solo 2 pasticcini finti, che con quelli che già avevo, fanno una mezza dozzina.
Sono passata in un bar per un caffè. ed appesa al muro c'era una lavagna "VINI".
C'erano varie colonne. Nella prima a sinistra i nomi dei vini: Dolcetto, Barbera, Cortese, Arneis, Muller ecc.
Le altre 3 riguardavano i prezzi, ed avevano questi titoli:

un bicer un bicchiere
na buta a què una bottiglia da bere lì al bar
na buta a cà una bottiglia da portarsi a casa

Forte!!!
Mi è sembrato che il mondo fosse meno brutto, meno falso...Lì tutto era chiaro, semplice, ben spiegato.
Insomma ho trascorso una bella mattinata.
Al pomeriggio ho fatto 4 barattoli di marmellata di fragole. Ve li farò vedere domani:ora stanno riposando sotto una copertina, al caldino e ogni tanto sento il "clac" del vuoto che si crea sotto al coperchio.....Mi tengono compagnia.


17 commenti:

  1. ma i pasticcini finti sono quelli della foto?
    bellissimi.
    E brava che non ti fai mancare niente...Pensa che io adoro la marmellata di fragole e lamponi e non l'ho mai fatta.
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pasticcini della foto infatti sono finti. La marmellata l' ho fatta con il fruttapec 3:1. Un kg di fragole pulite, il fruttapec, 350 gr. di zucchero, bollire 4 minuti. Velocissima. Ne sono venuti 4 barattolini. A presto

      Elimina
  2. I pasticcini della foto sono incredibili!

    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? E c'erano anche torte intere o solo fettone! E non si ingrassa!!!!

      Elimina
  3. Sono un gran lettore di Pavese da quando nel 1949 vidi entrare tutta quella gente in biblioteca a Castelfiorentino: c'era Cesare a parlare, e nel- Il mestiere di vivere cita quel giro in vald'Elsa, fu curiosità di ragazzo e poi divenni, lo sono tuttora un lettore assiduo delle sue opere.
    Mi ero riproposto di arrivarci camminando a Santo Stefano, mi sono fermato a Genova. ti faccio tantissimi saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissimo. E vieni in treno! Non si può arrivare sempre a piedi... Anche se è una cosa che si ama molto. Un abbraccio.

      Elimina
  4. Come si può essere felici con poco...

    Quei dolcetti...che buoni!

    RispondiElimina
  5. Già a trovarli veri, con tutta quella panna! Da entrarci dentro fino alle orecchie!

    RispondiElimina
  6. Ma viola, sei stata a un passo da me e non sei venuta a salutarmi!!! Mannaggia! Sì, ero io :-)
    La prossima volta però fatti vedere!!!

    RispondiElimina
  7. Con la tua leggera effervescenza, la voglia di mangiare e di comprare tutto ciò che vedi … sei l’antitesi al nichilismo di Pavese!
    Lui cercava qualcosa per cui vivere, un significato che giustificasse l’esistenza mentre tu … sei sempre pronta a tuffarti in un dolce di panna montata!
    Cederei volentieri il mare ed il sole della costiera amalfitana in cambio di un po’ della tua marmellata di fragole.
    C’è più poesia in quel “clac” del vuoto sotto al coperchio che in tutti i versi sparsi per il mondo.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianni, i tuoi commenti sono sempre TROPPO per me. Ti ringrazio. Non sono mai stata in costiera amalfitana, ma so che ci sono scorci meravigliosi. E poi la marmellata di fragole si può fare anche lì. Tanti anni fa, quando con 600 lire si comprava un Oscar Mondadori, mi ero comprata tutti i libri di Pavese..E li ho letti e riletti...Mi piaceva trovarci i paesaggi e la natura che mi circonda. Ciao!!!

      Elimina
  8. Complimenti ho letto il tuo post e mi è sembrato di vivere quei momenti descritti con una meravigliosa semplicità.Grazie della tua visita sul mio blog. E'vero amo i fiori e amo camminare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io amo camminare ed amo i fiori, ma ne coltivo pochi:poco spazio e poco tempo. Ciao.

      Elimina
  9. Bel post,semplice e spontaneo.Buona serata,ciaooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!!Grazie della visita e buon Week end.

      Elimina
  10. Viva la semplicità!!!!...complimenti e buone ferie!!:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Ancora sabato e domenica e poi si ritorna. E poi si vedrà.

      Elimina