Translate

Venerdì 8 Agosto 2014







Ciao ciao.
Riflettevo.
Il rapporto tra donna ed abbigliamento è complesso, vario, direi impossibile da sviscerare completamente, ed io non ci penso proprio.
Riflettevo però su un aspetto: quanto siamo libere di scegliere come apparire.
Questo abito mi ingrossa...
Questa gonna mi taglia la figura e mi abbassa...
Questo è troppo corto e mi scopre le ginocchia non perfette...
Questo è troppo lungo e il polpaccio pare un prosciutto di Parma...
Questo pantalone mi fa il sedere piatto...
Vorremmo sempre essere, giustamente, al meglio, e questo comporta tutta una serie di "no, questo no".
E poi c'è la moda: questo non usa più, questo si vede che è datato...
Poi c'è un altro elemento che ci frega: la seduzione.
Magari siamo innamorate (beate!!), e ci vediamo attraverso i SUOI occhi.
Allora il discorso diventa molto intricato e irto di ostacoli.

Ma la scorsa settimana, a Torino, hanno catturato la mia attenzione delle signore sui 70 anni, vestite in modo molto diverso tra loro, ma che rifletteva come erano VERAMENTE.
Lanciavano ognuna un messaggio: " MI VESTO COME MI PARE".
Come mi fa più piacere.
Forse sentendosi ormai fuori di giochi della moda, da quelli di voler sedurre con il fisico che non è più da top-model, finalmente si sentono LIBERE.

Sedute in un bar di Piazza Castello, uno di quei bar storici, c'erano due signore.
Capelli bianchi, abiti a disegni colorati, rossetto rosso, collane. Un pò in carne, ma sorridenti, gioiose.
Di quelle persone che sprizzano gioia di essere al mondo. Erano belle, solari, ti veniva voglia di abbracciarle.

Poi ho visto una signora, sottobraccio ad uno che pareva suo figlio. Lui abito scuro, camicia bianca e papillon rosso.
Lei aveva i capelli grigi raccolti in una coda, un tailleur blu scuro scuro come le scarpe, collant bianchi, camicetta bianca, e collana borsetta e una enorme fiore appuntato al bavero tutto color turchese.
Erano così  carini, chiacchieravano tra loro davanti alla vetrina di una libreria antiquaria.
Si vedeva la cura del voler essere in un certo modo, anche se i collant bianchi chi li porta più...

Altra signora, era con probabile figlia e nipotina.
Indossava pantaloni blu a sigaretta, maglietta marinara a righe bianche e blu, foulard piccolissimo rosso al collo e in testa una "paglietta" che pareva quella dei varietà di Dapporto.
Anche lei sorridente, forse ignara o divertita dal sembrare un gondoliere.

Ultimo esempio.
Signora molto alta e magra, con t-shirt nera, pantalone nero a vita altissima con bretelle, ballerine rosse ma col listino, tipo bebè, e un taglio di capelli moooolto sbarazzino. Un caschetto abbastanza corto, con frangia cortissima e le punte dalle orecchie e sul collo tutte sparate in fuori.

Donne vestite in modo totalmente diverso tra loro, ma con un accessorio comune a tutte: un sorriso sincero stampato sul viso, una serenità che trapelava.

Ho trovato bellissime tutte queste donne. Ognuna era diversa, ognuna a modo suo esprimeva qualcosa, ognuna interpretava secondo il suo gusto il vestire in estate.
Poi ho riflettuto e ho capito che mi sono già portata avanti.
Poichè dopo i 50 anni si diventa invisibili, ( è vero e non è poi così male), io ho già iniziato a indossare ciò che mi pare. Mi sono vestita per anni e anni di nero ed ora oso i colori, vivaci, splendenti.
Non mi importa se non ho più il viso fresco di un dì e mi sono nuovamente fatta crescere un pò i capelli giù dalle spalle...
Vado in giro con borse improbabili, tipo quelle che faccio io, con i gufi o a crochet con i manici di bambù...
Ma che bello aver fatto cadere tante grate che limitavano....
A volte ora mi limita solamente il buon senso applicato ai prezzi...
Una giacchetta a 2.900,00 Euro, e pure senza colletto che se non ha il suo collettino, a parte, di pelo di topo morto a 900,00 Euro non è nulla... Bè, in questo caso mi limito...

Ciao a tutti, buone vacanze e comunque......  Buona  vita   !!!

25 commenti:

  1. che bel post, regala gioia e fiducia! ciao Marina

    RispondiElimina
  2. Ciao e grazie grazie della visita!

    RispondiElimina
  3. anch'io sono più sciolta, mi sto facendo crescere anche i capelli!! :D

    RispondiElimina
  4. Bene, abbiamo fatto un lungo percorso ma poi abbiamo acquisito più fiducia in noi stesse e un sano chissene....

    RispondiElimina
  5. Vero che il vestirti come ti pare ti libera la mente e chi se ne frega se gli altri non approvano.
    Non sono mai stata influenzata dal-non è adatto a te, non va più,è troppo appariscente,troppo lungo-mi devo sempre sentire a MIO agio e COMODA:
    Unica cosa spero di non venir meno al buon gusto.
    Qui ci sono signore che davvero- dietro liceo e davanti museo-. A sessant'anni non ci si può vestire come una quindicenne con braghetta corta,tacchi altissimi e top infinitesimali,però è anche vero che se stan bene loro...
    Buona giornata. Sono già al lavoro?????

    RispondiElimina
  6. Ciao ch. Vero vero, senza venir meno al buon gusto.
    Io stamane giro ad Acqui Terme. Vestito sul blu-azzurro e 2 grosse collane. E vai!!!

    RispondiElimina
  7. Quando il gusto dell'essere e la gioia di vivere .La nostra società traccia per così dire una sorta di linea della normalità. Peccato che i <> siano solo gli adulti attivi; quindi gli altri sono anormali. E non importa se stanno bene, come le persone che ti hanno catturato...Sei fuori, e basta. Ma per fortuna non sempre è così. !!
    Buona estate VIOLA e libertà di vestirti come vuoi :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona estate Paolo, e buone vacanze: ci sei quasi!!

      Elimina
  8. Una attenta osservatrice a cui non sfugge nulla. Insuperabile nel notare piccole e grandi sfumature che dall’apparenza, inevitabilmente, conducono alla sostanza. Ogni cosa che si manifesta ai nostri occhi (e finanche ogni parola che scriviamo) può “rivelare”, a chi sa “leggere”, ciò che siamo. Si dice che gli occhi siano lo specchio dell’anima. Ma la cosa è riduttiva. A te basta un colore, un sorriso, una stoffa, un rossetto …! E tutto all'insegna della leggerezza e del divertimento!
    Un caleidoscopio di forme, colori, caratteri, fantasie, storie, profumi, abbinamenti...
    Alla ricerca della bellezza. Tutta roba da artisti. Come te.
    Buona estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianni. Sei in vacanza?
      Se sei dalle tue parti la bellezza non manca. Sia nei panorami che negli occhi vellutati dei napoletani.
      Il mondo è vario, pieno di colori e diversità, basta aver voglia di coglierli.
      A me piace, come mi piace magari da una persona che mi passa accanto, farmi un film, raccontarmi una storia.
      Forse lo faccio per tenermi compagnia, per sentirmi meno sola, non so.
      Però sono fatta così.
      Da un vestito, un atteggiamento, magari 2 parole catturate passando, io mi immagino un racconto e mi piace !!!
      Ciao carissimo: è ora di fare le bottiglie!!

      Elimina
  9. Da stamattina sono in vacanza per 2 settimane. Mercoledì si faranno le bottiglie di pomodoro. Spero che non serva la mia mano d'opera così potrò starmene a suonare o al pc o, meglio, a non fare un beneamato cavolo. Mi guarderò su Sky un film d'azione, di spionaggio e mi immergerò in una bella scazzottata con sparatoria finale in cui ammazzo tutti per salvare la mia ragazza che era stata rapita da una banda di sbandati.
    Oggi è l'onomastico di mia figlia (Chiara) e probabilmente andremo a pranzo ( ma potrebbe essere anche a cena) fuori tipo la costiera Sorrento o Positano o forse Vico Equense.
    In genere mentre io parlo con mia figlia mia moglie scruta gli astanti e dopo poco ci fa sapere vita morte e miracoli di ogni tavolo tipo quelli sono amanti quelli stanno litigando quell'altra è proprio una str.... etc. Secondo me legge anche il labiale. Il bello è, più o meno come te, che raramente si sbaglia. Le donne, mediamente, hanno una capacità d'osservazione che dista anni luce da quella dei maschietti che concentrano le loro attenzioni prevalentemente su 1 o 2 cose (sesso e cibo). Farai anche tu i "muttini"?
    Ciao dolce donna. Sii sempre serena. Buona vita anche a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Ma sentilo lui! Gli altri a fare le bottiglie di pomodoro e tu a strimpellare!!!!
      Ovvio che ti prendo in giro. Comprendo il tuo stato d'animo riguardo al lavoro, Fornero ecc., per cui a casa hai proprio voglia di oziare o trastullarti un pò.
      Che forte tua moglie! Anch'io al ristorante faccio così.
      E si capisce quando lui è lì con una lei che non è quella ufficiale, oppure quando il matrimonio è defunto perchè non parlano mai tra loro, sono muti.
      Al massimo lanciano sguardi attorno, per vedere se c'è qualcuno carino da vedere.
      Ad un mio amico, una lei sconosciuta, uscendo dal ristorante col marito, ha lasciato un foglietto col numero di cell.
      No, non farò i muttini.
      Raccolti ad oggi 199 pomodorini, ma usati per bruschette o pasta saltata.
      Il clima "balengo" ha nuociuto alle piantine: hanno le foglie secche e raggrinzite, mi sa che quest'anno il mio raccolto è terminato.
      Buone vacanze carissimo amico e buona vita!!

      Elimina
    2. Che sbadata. Il caldo mi ha sciolto le poche "scelluline grisce".
      Tanti tanti auguri a tua figlia, avete scelto un bellissimo nome:

      Elimina
  10. Sono per un abbigliamento molto sportivo e quando serve…sportivo elegante…ma cerco sempre di indossare dei capi che mi facciano sentire a mio agio!
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi vesto in modo vario, non troppo sportivo, ma dopo decenni di seriosità dietro ad uno sportello ora mi sento LIBERA.

      Elimina
  11. Parlare di moda...sarà l'estate e la voglia di argomenti "leggeri", ma anch'io tra le mie bozze ho un post in lavorazione su questo tema. Perchè poi parlare di moda è anche parlare di se stessi. Bene lo dimostrano gli abbigliamenti di quelle signore che tu hai descritto così dettagliatamente, sei stata veramente una buona osservatrice. Il fatto che sorridessero, che fossero serene significava certo che erano contente della loro vita, ma anche che, vestite in modo così originale, loro ci sentivano completamente a proprio agio. Anche con le calze bianche, le bretelle, il fiore turchese... E' bello che anche tu come loro ti senta libera di vestirti come ti pare, di osare cose che magari anni prima non avresti messo. Come i capelli giù dalle spalle...ce li ho anch'io, a dispetto di chi dice che dopo "una certa età" è meglio tenerli più corti. Una mia comodissima e fresca passione estiva di sempre ad esempio sono i calzoncini, forse il bon ton mi sconsiglierebbe di metterli dato che non ho più le gambe di una trentenne (e neanche di una quarantenne...) però io mi ci vedo ancora bene e del possibile (probabile?) giudizio degli altri non me ne importa proprio! Ciao, Viola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, tanto gli altri a volte parlano solo per arieggiare il palato!!
      I calzoncini li ho portati, al mare, fino a circa 45 anni, poi basta. Mi mancava proprio il coraggio.
      Ciao Ninfa, buon tutto.

      Elimina
  12. Buon Ferragosto cara Viola. Sono sempre in maglietta e pantaloni, jeans e scarpe da ginnastica, molto sportiva.... Ciao a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, anch'io porto pantaloni, ma di più gonne ed abiti. l'importante penso sia mettere ciò che ci piace davvero.

      Elimina
  13. Belle osservazioni belle osservazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Soffio, grazie grazie del passaggio.

      Elimina
  14. Ognuno deve sentirsi libero di vestire come gli pare e non seguire le mode del momento.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  15. Grazie per il commento.scalda la vita

    RispondiElimina
  16. Ciao Viola,io sono un maschio,ma al mio abbigliamento ci tengo molto e trovo affascinante una donna ben vestita e con gusto,ma della giacca con il collo del povero topo faccio volentieri a meno.
    Felice sera,fulvio

    RispondiElimina
  17. ...Un buon occhio allenato ai dettagli! :-)

    RispondiElimina