Translate







Sabato 16 Giugno 2012



Credevo di esserne fuori, pensavo di aver acquisito un certo sereno equilibrio....
Ma ecco che la tristezza è tornata a farmi visita.
Probabilmente è la sindrome da week-end, è un senso di solitudine che mi assale periodicamente e geneticamente.
Quando è così, vorrei sedermi in un angolino contro il muro, abbracciare le ginocchia e chinare il capo.
Poi se si piange tanto meglio, tipo valvola di sfogo.
Passerà, passerà anche questa volta e mi ritroverò di nuovo a guardare il cielo azzurro con gioia e gratitudine.
Oggi no.
Probabilmente è anche tutto il periodo che è pesante, troppo pesante.
Con questa IMU malefica, le code allo sportello sono lunghissime.
Inizio alle 8,30 a scrivere codici fiscali e codicini di tasse, e smetto alle 13,30, con solo una brevissima pausa-bagno, e il caffè me lo porto da casa, così mentre la stampante stampa, io lo bevo, con molta solidarietà da parte del cliente che ho davanti.
Pomeriggio idem.
Da noi parlano tanto di questa prima linea, delle postazioni cassa, così importanti come primo impatto col cliente...
Ma poi quando la massa di lavoro diventa molto gravosa, tutti si voltano dall'altra parte.
Così arrivo a casa veramente scoppiata, senza più un filo di energia.
Di conseguenza la casa è disordinata e impolverata...
E ci sono pure le formiche...
E oggi è sabato, ed io sono qui senza uno straccio di progetto per la serata...Come da moltissimo tempo ormai...
Sarà che sono stanca e vedo tutto nero.
E c'è pure il fatto che riguardo al lavoro sono in una sorta di LIMBO e non ho risposte....
Così non ho prenotato vacanze perchè non so quando sarà il tempo libero....
Quest'anno è tutto molto complicato e mi sento le spalle curve sotto il peso del quotidiano.
Bene, cioè mica tanto, mi sono sfogata.
Non so se qualcuno avrà letto fino in fondo perchè non è piacevole leggere le lamentele...
Ciao a tutti e Buona vita !!!

50 commenti:

  1. ti capisco, ti capisco davvero...sono mesi che non c'è una cosa bella, veramente bella, nella mia vita e vivo così, un giorno dopo l'altro senza particolare entusiasmo..non è facile, no, vivere così...e poi con gli altri spesso devi fingere, di stare almeno bene. Io fingo al lavoro ( non voglio essere compatita), fingo con i miei genitori ( non voglio preoccuparli), e a volte fingo con me stessa ( mi dico che sono forte). Ma quanto ancora potrò vivere così? mi sento come una pianta senza acqua. Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima. Anch'io non voglio essere compatita e fingo al lavoro e pure con mia figlia. Perchè crearle angustie? All'esterno paio molto forte, e così lascio credere, ma spesso sono stanca, stanca di dover reggere tutto da sola! Un abbraccio forte forte.

      Elimina
  2. Viola, quanto mi dispiace... Ti capisco, ho lavorato anch'io con il pubblico, è stressante. Lavoravo in ospedale, un po' al cup, negli ambulatori, laboratorio analisi... Ho sofferto di depressione, ansia, panico. Vorrei poter aiutarti, magari solo per uno sfogo... Ho visto che non hai una mail, ti lascio la mia (roby62da@libero.it)
    Ti abbraccio forte.
    ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale. Grazie per ciò che mi hai scritto. Ti scriverò mail stasera.

      Elimina
    2. per qualsiasi cosa trovi la mail nel profilo ciao :))

      Elimina
  3. io ho letto fino in fondo!
    ...non c'è nulla di male in uno sfogo, anzi fa bene!
    a me a volte un bel film o internet (i nostri amati blog!)aiutano a distrarmi, ad allontanare i brutti pensieri...
    ti mando un sorriso grandissimo
    :)
    emme

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti sto curiosando tra i blog che seguo e poi guarderò cosa ho registrato della tv di piacevole. A volte di pomeriggio, quando sono al lavoro, trasmettono film carini e me li tengo per i momenti tristi. Grazie della visita.

      Elimina
  4. Da vecchio bancario "pentito" condivido e solidarizzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un bancario "pentito"? Allora mi comprendi! Grazie.

      Elimina
  5. Hai ragione Viola, ma a tenerti tutto dentro peggiori la situazione, secondo me.

    Hai bisogno di comprensione almeno dai familiari.

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ma la mia famiglia è composta da mia figlia e stop. E' una cosa bellissima, ma lei è a centinaia di km da casa, passa almeno 6 giorni al mese in treno...Vuole dare 3 esami al primo appello....Soffre il caldo in un modo micidiale....E che le posso dire? Mi sfogo nel blog che lei non legge perchè dice che sono cose mie!!
      Bacio

      Elimina
  6. Ti capisco Viola,se vuoi sfogarti com me mandami email.Un abbraccione da Olga.Devi sfogarti con qualcuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao , grazie della visita e dell'abbraccio che ricambio.

      Elimina
  7. Ciao Viola!....che dirti, dai su, che passa tutto. Lo scorso anno sono stata al Caf per 2 mesi e qualche giorno.......a tempo pieno. Un periodo da urlo, e alla sera era un incubo perchè avevo paura di aver commesso qualche errore. Ogni tanto ci sono momenti difficili, ma l'averlo condiviso in rete forse te lo fa pesare di meno. Dai, domani è domenica e almeno una bella passeggiata la farai! Non so, può sembrar poco, ma aiuterà di certo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, domani è domenica e mia figlia è tornata. Al mattino ho intenzione di cucinare,fare una marmellata di albicocche che mi hanno regalato e poi bagno, capelli ecc. Al pomeriggio uscire...

      Elimina
  8. Risposte
    1. Ciao Giuliano, hai camminato fino al mio blog. Grazie!

      Elimina
  9. mi spiace di tutto ciò, anche perchè capisco molto bene (la descrizione dello stringersi le ginocchia esprime quello che io tante volte ho davvero fatto).
    Non avrei dovuto scriverti perchè hai bisogno di consolazione e coccole che non posso darti nemmeno virtualmente, ma ti sono comunque vicina e poi quando ti capita scrivi che serve.
    Vedrai che andrà meglio, tua figlia torna e ti porta un po' di gioia e intanto il tempo passa ....
    buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' passato un giorno, sto cercando di tirarmi sù. Stamattina sono stata in casa: marmellata di albicocche, cucinato, pulito un pò. Ora mi lavo i capelli.... E, come dici tu, intanto il tempo passa....ma non torna indietro e spesso mi pare di sprecarlo.
      Buona domenica

      Elimina
  10. Ciao Viola!
    Sono Mimi e sono arrivata fino in fondo perchè da un pò lotto anch io con alti e bassi. Ho però finalmente imparato una cosa: a dirlo, a parlare con qc e non tenermi tutto dentro. Poi finisce che mi arrovello ancora di più...Una cosa più di tutte però mi aiuta: la corsa! E te lo dice una che non è mai stata sportiva..ho cominciato dal 1 marzo e adesso ne ne posso più fare a meno!
    Dai, sù che passa anche questa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta carissima nuova amica. A me aiutava molto camminare in campagna, tra alberi e verde. ma ho smesso un pò perchè trovavo dei cani randagi e ne avevo paura. Ma devo riprendere. E poi..passerà anche questa!

      Elimina
  11. Mi dispiace tanto, cara Viola, per questo momento di sconforto. E' un anno difficile un po' per tutti e non è che la cosa mi rincuori, ma mi sento meno sola, devo essere sincera.
    Spero di veder arrivare il sereno per tutti, tempi migliori, sorrisi distesi, risate...spero arrivi tutto molto presto.
    Sono solidale con te, capisco quanto sia stressata (il mio ultimo post parlava proprio di stress) e ti auguro di riuscire a trovare un po' di tempo per rilassarti al meglio.
    Un bacione e buona domenica ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Già, lo stress!!! La scorsa settimana mi sono concessa un bel massaggio-linfodrenaggio, che per me funziona anche come ottimo rilassante. L'estetista mi ha detto che ai lati del collo, sulle spalle, avevo accumulato un sacco di tensione e sentiva come un cordone teso. Io sentivo dolore sotto le sue mani e lei mi diceva che sentiva male alle dita perchè i tessuti erano tesi e congestionati!!! Speriamo in tempi migliori. Un abbraccio.

      Elimina
  12. Ripeterei tutte le cose già dette, e allora ti lascio solo un forte abbraccio con affetto. Sono sicura che il momentaccio passerà presto. Te lo auguro di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, speriamo tutto passi presto e il morale risalga. Buona settimana.

      Elimina
  13. Grazie Viola... Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti riscriverò. Ricambio abbraccio forte forte.

      Elimina
  14. Quello che descrivi è il sintomo di un malessere assolutamente da non sottovalutare.
    Ho letto e riletto quello che hai scritto e, dopo attenta analisi, credo di essermi fatto un’idea precisa di quello che ti sta capitando.
    In te dev’essersi annidato uno streptococcola amorosus, un batterio non propriamente raro ma che può fare molti danni se non eradicato in tempo.
    Si insedia nelle persone rese deboli da una carenza nel sangue di coccole amorose, baci, carezze abbracci etc. e porta, spesso, a crisi di pianto e voglia di sedersi in un angolino contro il muro. In casi estremi (vere e proprie crisi di astinenza) il soggetto può anche arrivare ad abbracciarsi le ginocchia ed a chinare il capo.
    Inoltre, in presenza concomitante di forte stress dovuto ad es. ad esposizione prolungata a codici fiscali, codici imu, F24 etc, il batterio può essere addirittura fatale: il soggetto si ritrova definitivamente trasformato in fata a sua insaputa (come scajola) e, quasi sempre, in modo irreversibile.
    I rimedi sono vari ma si riducono essenzialmente nel riposizionare il soggetto in una camera sterile (priva di formiche, polvere, panni da stirare etc) e nella stretta osservanza della terapia.
    Al soggetto vanno somministrati baci, carezze e coccole in quantità esagerata e vanno preparati pranzetti e prelibatezze leggeri e raffinati senza che lei abbia ad accorgersene. A tanto vanno aggiunti cene a lume di candela, poesie d’amore, progetti per il futuro e prenotazione per vacanze di almeno 2 mesi.
    Inoltre, per la buona riuscita della terapia, va anche spiegato al soggetto che in banca ci si dovrebbe recare solo per fare rapine e non per altri strani ed usuranti lavori.
    Da ripetersi il tutto al bisogno senza limite alcuno non avendo la terapia alcuna controindicazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto e riletto il tuo commento e sono contenta della diagnosi: i dottori del posto non riuscivano a capire nulla. ( Ci voleva un medico partenopeo).
      Riguardo alle carenze...Bè un pò ci sono, e il batterio che hai identificato abita in me. Il lavoro non aiuta e l'esposizione a imu, f24, codici fiscali, ha aggravato il tutto.
      Trovare la camera sterile che tu indichi sarà difficile, ma soprattutto non mi riuscirà di fare la cura!! Qui le somministrazioni di coccole non si trovano. Se dalle tue parti se ne trovano, mandane su una fornitura per qualche mese. (Vorrei fare una bella cura, per non correre il rischio di ricadute!!!)
      Gianni, sei una forza della natura. Riesci SEMPRE a farmi sorridere. Grazie per tutte le cose che hai scritto e il tempo che hai dedicato. Un abbraccio.

      Elimina
  15. vedo che Gianni non solo ti ha diagnosticato la "malattia", ma molto opportunamente ti ha prescritto un' ottima cura...non hai che da approfittarne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gianni ha visto giusto, ma sai com'è la situazione da queste parti!! Come ho scritto nella risposta, la cura è praticamente impossibile da attuare.

      Elimina
  16. Risposte
    1. Sono passati 2 giorni, la malattia permane, iniziata nessuna cura... Aspetterò di guarire da sola.

      Elimina
    2. in attesa di tempi migliori ... clicca su "Serena notte..." più sopra.
      Buona giornata.
      Ciao.

      Elimina
    3. Grazie della bella musica. Già, un giorno può fare una gran differenza. Da oggi so che la cosa che era in forse per ila lavoro è andata nel peggiore dei modi. Evviva!

      Elimina
  17. Gianni sei un grande...
    ciò detto mia cara puoi sfogarti quanto ti pare, non ci vedi in faccia e non vedi se ti reputiamo apertamente "una palla"... per me non è stato così... non mi sarei presa la briga di commentare altrimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara e benvenuta! Ho scritto il mio sfogo proprio perchè nessuno mi vede in faccia e non vedo le vostre, quando dite "che palla!!!" Ciao.

      Elimina
  18. A me sono bastati 2 anni col pubblico a Genertel... No, non fa per me. Hai tutta la mia solidarietà!

    RispondiElimina
  19. Grazie per la solidarietà...Ci sono dentro da una vita ormai, ma ora mi pesa sempre di più.

    RispondiElimina
  20. Il blog è una parte (per molti importante) di noi, quindi è giusto sfogarsi anche qui. Dall'altra parte dello schermo il più delle volte ci sono persone speciali... ti auguro di superare in fretta questo momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione che il più delle volte al di là dello schermo ci sono persone speciali... Ero triste ed avvilita e in tanti mi siete statu vicini per darmi conforto: grazie!

      Elimina
  21. Mi piace molto e condivido quello che ha scritto Darjo... Ti ho detto che ho trovato persone speciali con il blog, e sono contenta di aver conosciuto anche TE Viola... Appena posso ti riscrivo. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok Ale, buona serata. Un abbraccio

      Elimina
  22. Io con l'imu mi sono arrangiata grazie al programma inserito nel sito web del mio Comune, ma comprendo il disagio di chi ha dovuto seguire la faccenda a tutti i livelli.
    Coraggio!

    Un abbraccio e buon mercoledì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 730 me lo faccio da sola, ma l'ici, ora imu, me lo fa un ufficio apposito. Però erano i pagamenti che portavano i clienti che erano laboriosissimi. Ora è passata. Baci

      Elimina
  23. Questi momenti capitano a tutti... purtroppo io sono di quelli che fanno pure fatica a piangere, quindi lo sfogo è ridotto al minimo... ma anche questi periodi passano e lasciano spazio a quelli più belli, quindi tieni duro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il premio! Un tempo piangevo di più, ora mi trattengo di più, ma solo fino al cuscino...Lui ne sa qualcosa!!!

      Elimina
  24. Ciao Viola
    credo sia bello sapere di avere tanti amici che, giorno dopo giorno, ti leggono e vengono a testimoniarti la loro solidarietà in un momento difficile.
    Trovo che siano persone speciali oltrechè deliziose. Ma sono cose che tu già sai da te e non serve di certo che te le dica io. Giusto? Giusto! Era solo per condividere.
    Ora io vorrei chiederti una cosa un pò strana ... ma strana nientedichè ... ora non preoccuparti ... tranquilla .... sarebbe uno sfizio mio ... magari un tantino inusuale ... lo so che non c'entra nulla con il post ... anzi ... tu potresti risentirtene e dire ma che t'importa il blog è mio e me le gestisco io ... e questo sarebbe il minimo ... ovvio ... insomma avresti tutti i motivi per mandarmi a quel paese ... vabbè ora prendo il coraggio a 2 mani e te lo dico:
    prima che tu faccia un altro post mi piacerebbe far andare il numero dei commenti a questo post da 48 a 49. Anzi, per dirla tutta, a 50.
    Si può fare? Ti dispiacerebbe?
    Dimmi di no cioè nel senso di dimmi di sì cioè no che non ti dispiace cioè dimmi di si che si può fare ... insomma hai capito!
    Sai è per via della smorfia napoletana, quella che attibuisce un significato ai numeri ... dai ... se ti scocci lascia stare ... hai ragione ... è proprio una scemata ... che stupido ... ormai sono in ballo e ... insomma visto che la frittata è fatta tanto vale dirla tutta ... perchè 48 fa il morto che parla mentre 49 fa "la carne" e 50 "il pane" (se vogliamo 51 "il giardino", 52 "la mamma" etc).
    Non trovi che sia più carino 50 "il pane"? Un numero pari, bello, rotondo, definitivo, sicuro ... insomma il numero di commenti ideale per un post. Allora facciamo così. Se ti piace 49 lo lasci così senza rispondere. Se, come credo, dovesse piacerti di più il 50 rispondi e la facciamo finita. Ci mettiamo una pietra sopra e chi s'è visto s'è visto

    "... ma dì soltanto una parola e la mia anima sarà guarita ..."
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sei fatto un cicchetto? Un prosecchino? Che si beve dalle tue parti?
      Non mi piacciono molto i numeri pari, ma soprattutto quelli tipo 2 4 6 8 ecc. Il 50 è bello. E 50 sia!! Mai avuto credo, tanti commenti. Vedi la solidarietà?
      Avevo in mentente un post un pò faceto, dopo tanto lamentarmi, ma stasera non mi sento ancora di scriverlo.
      P.S. Tieni ancora su il vetro dell'auto col cacciavite?
      Ciao

      Elimina